‘La casa delle voci’ il nuovo thriller di Donato Carrisi in uscita il 2 dicembre 2019

Come già anticipato nel nostro blog (leggi qui), ecco l’articolo sulla nuova – nuovissima – uscita letteraria, tanto nuova che si attende ancora l’effettiva uscita nelle librerie e negli altri store, prevista per il prossimo due dicembre: ci riferiamo a Donato Carrisi con il romanzo “La casa delle voci“.

Protagonista nelle sale italiane come regista con il suo secondo film ispirato all’omonimo libro di successo, “L’uomo del labirinto” (leggi l’articolo sul nostro blog), Carrisi torna tra gli scaffali con un thriller psicologico, la cui trama questa volta è basata sull’ipnosi e in particolare sull’ipnosi infantile.

“Entra con Donato Carrisi nella casa delle voci”.

È così che il canale Facebook di IBS ha annunciato la prossima uscita del maestro del thriller italiano:

visita il sito

In realtà, la trama del nuovo romanzo è ormai di domino pubblico essendo stata (in parte) svelata in anteprima. Ecco i dettagli:

Pietro Gerber non è uno psicologo come gli altri. La sua specializzazione è l’ipnosi e i suoi pazienti hanno una cosa in comune: sono bambini. Spesso traumatizzati, segnati da eventi drammatici o in possesso di informazioni importanti sepolte nella loro fragile memoria, di cui polizia e magistrati si servono per le indagini. Pietro è il migliore di tutta Firenze, dove è conosciuto come l’addormentatore di bambini. Ma quando riceve una telefonata dall’altro capo del mondo da parte di una collega australiana che gli raccomanda una paziente, Pietro reagisce con perplessità e diffidenza. Perché Hanna Hall è un’adulta. Hanna è tormentata da un ricordo vivido, ma che potrebbe non essere reale: un omicidio. E per capire se quel frammento di memoria corrisponde alla verità o è un’illusione, ha disperato bisogno di Pietro Gerber. Hanna è un’adulta oggi, ma quel ricordo risale alla sua infanzia. E Pietro dovrà aiutarla a far riemergere la bambina che è ancora dentro di lei. Una bambina dai molti nomi, tenuta sempre lontana dagli estranei e che, con la sua famiglia, viveva felice in un luogo incantato: la «casa delle voci». Quella bambina, a dieci anni, ha assistito a un omicidio. O forse non ha semplicemente visto. Forse l’assassina è proprio lei.

Ed ecco le prime enigmatiche righe dell’incipit:

Una carezza nel sonno.

Nel nebbioso confine con la veglia, un attimo prima di precipitare nell’abisso dell’oblio, il tocco leggero di dita gelide e sottili sulla fronte, accompagnato da un triste e dolcissimo sussurro.

Il suo nome.

Sentendosi chiamare, la bambina sbarrò gli occhi. Ed ebbe subito paura.

Qualcuno era venuto a farle visita mentre si addormentava. Poteva essere uno dei vecchi abitanti della casa, a volte chiacchierava con loro o li sentiva muoversi come i topi, rasentando i muri. […]


Leggi l’estratto qui.  

Donato Carrisi è stato peraltro, appena qualche settimana fa, protagonista nelle sale come regista con il suo secondo film ispirato all’omonimo bestseller, L’uomo del labirinto, edito sempre da Longanesi.
Come già espresso nell’articolo sopra indicato, nel cast risuonano nomi altisonanti, del calibro di Dustin HoffmanToni Servillo (vedi sotto l’immagine tratta dal film).

Serivllo in una scena tratta dal film “L’uomo del labirinto”

La sua prima esperienza dietro la macchina da presa gli è valso invero, nel 2018, il prestigioso David di Donatello: ci riferiamo all’adattamento di un altro suo successo, La ragazza nella nebbia.

Pare quindi che le trasposizioni cinematografiche dei libri di Carrisi costituiscano eventi a cui bisognerà abituarsi. E chissà che tale evenienza non si verifichi anche per l’ultimo romanzo; intanto, non ci resta che attendere il 2 dicembre, e magari prenotare sin da ora il romanzo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *