Attesa per l’uscita del film “l’uomo del labirinto” tratto dall’omonimo thriller di Donato Carrisi

Vi è grande attesa per l’uscita, prevista per il prossimo 30 ottobre, del film “L’uomo del labirinto”, tratto dall’omonimo thriller di Donato Carrisi. L’opera è stata scritta e diretta dallo stesso autore, Carrisi appunto; del resto, sebbene il contributo della letteratura al cinema sia piuttosto frequente, è assai raro che uno scrittore passi direttamente dietro la macchina da presa, come è successo a Donato Carrisi. Questi in realtà esordisce, nel campo della scrittura, proprio come sceneggiatore televisivo e, dopo molti romanzi di successo, passa alla regia nel 2017, adattando il suo libro La ragazza nella nebbia al grande schermo. Il risultato è stato apprezzato: un esordio che ha sfiorato i 4 milioni di euro, anche grazie alla partecipazione al progetto di attori del livello di Toni Servillo e Jean Reno. L’autore ha così vinto il David di Donatello per la migliore opera prima e ha ricevuto il premio direttamente dalle mani di Steven Spielberg.

Locandina ufficiale de L’uomo del labirinto

CARRISI, AUTORE E, ORA, ANCHE SCENEGGIATORE E REGISTA

Donato Carrisi è nato in provincia di Taranto, si è laureato in giurisprudenza con una tesi su Luigi Chiatti, alias “il mostro di Foligno”, specializzandosi poi in criminologia e scienze del comportamento. Studi che ha utilizzato evidentemente per la sua carriera di scrittore, di thriller in particolare. Il suo esordio con Il suggeritore, nel 2009, fu un caso editoriale: vendette centinaia di migliaia di copie aggiudicandosi anche il Premio Bancarella.


PANORAMICA SUL LIBRO

Abbiamo già recensito il romanzo in questo articolo, ed evidentemente ora occorre ripeterci con un articolo sul suo adattamento cinematografico. Forniamo prima qualche flash sul libro, giusto per rinfrescarci un po’ la memoria.
L’uomo del labirinto potrebbe essere considerato un sequel apocrifo della serie de Il suggeritore; è stato pubblicato nel 2018 da Longanesi e, come tutti gli altri libri di Carrisi, ha ricevuto il solito successo di vendite.
La versione cinematografica è stata girata per lo più a Roma e vede nuovamente tra i protagonisti Toni Servillo, diventato probabilmente un attore feticcio del poliedrico autore [Vedi foto].

Toni Servillo in una scena del film – Fonte “coomingsoon.it”

Accanto a lui troviamo: Dustin HoffmanValentina Bellè e Vinicio Marchioni.
La partecipazione al progetto italiano di un grandissimo interprete del cinema americano, come Hoffman, sarà l’occasione per rendere più appetibile commercialmente l’opera, magari, si spera, sul piano internazionale. Ma non è solo una trovata pubblicitaria, sono indiscutibili le doti del due volte premio oscar, protagonista di film del calibro di: Il laureato, Il maratoneta, Kramer contro Kramer, Un uomo da marciapiede, Tootsie, per citare i più famosi.

LA TRAMA DEL FILM

La storia, come accennato, è tratta dell’omonimo romanzo di Carrisi e ruota attorno alla figura di Samnatha Andretti (Valentina Bellè), una ragazzina che è viene rapita durante una mattina di inverno, una mattina come tante altre, mentre stava recandosi a scuola. Sarà l’inizio di un incubo. L’investigatore privato Bruno Genko (Toni Servillo) viene incaricato dalla famiglia di ritrovare la figlia, ma ogni tentativo è vano. Quindici anni dopo, la ragazza si risveglia in un letto d’ospedale, non ricorda dove abbia trascorso l’ultimo periodo, dove sia stata e cosa le sia accaduto.
Insieme a lei c’è il dottor Green (Dustin Hoffman), un profiler, con il compito di aiutarla a recuperare la memoria, così da poter individuare e catturare chi l’ha tenuta prigioniera negli ultimi anni. La caccia al mostro, però, non si svolgerà come una comune indagine, ma sarà tutta incentrata a indagare le trame oscure della mente, dei ricordi sfocati eppure indelebili della ragazza. Al tempo stesso Genko, venuto a sapere che Samantha è riapparsa, sente di dover assolvere il suo vecchio debito e tenta di ricostruire i puzzle della vecchia inchiesta per risalire al suo sequestratore. Ma gli errori del passato non si cancellano: quella dell’investigatore è una corsa contro il tempo, dal momento che ha appena appreso che gli resta poco da vivere, una malattia lo sta velocemente consumando. È uno strano scherzo del destino se Sam è appena riapparsa dalle tenebre del passato.
Genko riuscirà finalmente a risalire alla verità? Le origini del male sono oscure, e qualcuno sta mentendo per nascondere un terribile segreto: proprio come il labirinto nel quale era stata rinchiusa Sam. Un labirinto ora anche mentale, ma con corridoi e porte reali, che conducono alla soluzione dell’enigma, forse.

Vedi il trailer ufficiale:



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Attesa per l’uscita del film “l’uomo del labirinto” tratto dall’omonimo thriller di Donato Carrisi”